Cerca

La 'Good Life' di Dominique Antognoni


Dominique Antognoni, “editore e giornalista epicureo” (sono parole sue), è ideatore e proprietario e direttore della rivista “Good Life”.



In questa intervista ci racconta come è arrivato in Italia da Israele inseguendo il mondo del calcio e come, crescendo, è poi divenuto un appassionato del mondo del bien vivre, sviluppando di conseguenza una propria linea editoriale con la creazione di un maschile, oggi diffuso nei luoghi più esclusivi. Grazie alle doti comunicative esercitate sulla platea dei social - un misto di irriverenza, spontaneità, capacità descrittiva e sintonia con i lettori -, Antognoni è diventato un importante dealer del mondo della ristorazione, di cui è promotore ma anche infaticabile censore di vizi e vizietti (degli chef, ma anche dei critici gastronomici).

Dominique Antognoni, “Epicurean editor and journalist” (his own words), is the founder, owner and director of the magazine “Good Life”. In this interview, he will tell us how he arrived in Italy from Israel while pursuing the world of football and how, as he grew up, he became passionate about the world of fine living, developing as a result, his own editorial line with the creation of a men’s magazine which is distributed in the most exclusive of places. Thanks to his gifts of communication in the social media – a mixture of irreverence, spontaneity, descriptive ability and synchronicity with his readers -, Antognoni has become an important dealer in the world of restaurants, of which he is a promotor and also a tireless censor of vices great and small (those of chefs as well as restaurant critics).





______________________________________________________________

La Bio

di Dominique Antognoni


Dominique Antognoni nasce a Bucarest, nel 1968. Vive e cresce con un solo sogno in testa: creare un giorno il quotidiano sportivo più bello in assoluto. Non il più letto: il più bello. Inizia presto, le attività giornalistiche: a 16 anni e mezzo diventa il più giovane fotografo ad aver pubblicato una fotografia in prima pagina. Poi appena maggiorenne si trasferisce in Israele. Il paese è formidabile, però non fa per lui: il calcio è poco seguito e di sicuro non è a dei livelli stratosferici. E’ così che nel 1994 arriva a Milano: in quel periodo Inter e Milan dominavano il mondo.

Continua a fare il fotografo, pubblicando sui quotidiani più importanti e sulle riviste calcistiche più forti in assoluto, dall’Inghilterra al Giappone, dall’Italia alla Polonia. Nel frattempo inizia anche a realizzare delle interviste con i migliori calciatori del mondo: pian piano abbandona la fotografia, concentrandosi solo sulle esclusive e sulle opinioni forti, perché non ha alcun senso scrivere quello che scrivono pure gli altri. Il giornalismo è solo esclusiva.

Nel 2001 il sogno diventa realtà, anche se al posto del quotidiano fonda una rivista: Football Illustrated. Due anni dopo fonda anche Golf Life, ovviamente una rivista dedicata al golf e al lifestyle, quello vero, aspirazionale, elegante, raffinato, patinato.

Nel 2013, causa crisi globale, esauritasi anche la spinta del settore, Golf Life diventa Good Life. Ristorazione. Alta ristorazione. Chef stellatissimi. Persone che ti colorano la vita. Che sogna e fanno sognare.

Alla fin fine forse il sogno più grande è questo e non il quotidiano sportivo.




Credits Foto Monica Cordiviola


75 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti